Posizione: Home PageLetteratura scientifica
Emotional Problems among Children with Same-Sex Parents: Difference by Definition
Autore: Sullins D.P.
Nazione: USA
Ambito: Sociologia
Data: 2015
Fonte: http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2500537

Contenuto:

Il sociologo americano Paul Sullins afferma che i “problemi emotivi [sono] maggiori per i bambini con genitori dello stesso sesso rispetto a quelli con genitori di sesso opposto addirittura con una incidenza più che doppia”. Continua: «non è più lecito affermare che nessuno studio ha trovato i bambini che vivono in famiglie omogenitoriali svantaggiati rispetto a quelli in famiglie eterosessuali».
Il rifiuto dell’ipotesi “nessuna differenza” sarà impossibile ignorarlo, in quanto si basa un campione più ampio rispetto a quelli di qualsiasi altro precedente studio – 512 bambini con “genitori” dello stesso sesso; dati tratti dal Interview Survey National Health. I problemi emotivi rilevati sono molteplici, compresi comportamenti scorretti, preoccupazioni, depressione, rapporti difficili con i coetanei e incapacità di concentrarsi.
I dott. Sullins ha trovato che i genitori di sesso opposto riescono a fornire un ambiente migliore dove vivere e crescere. “La filiazione biologica distingue fortemente ed in modo univoco i risultati tra bambini che vivono con genitori di sesso opposto e quelli che vivono con genitori dello stesso sesso”, scrive.
Come lui stesso fa notare, questo risultato ha implicazioni immense per la politica pubblica. Sullins sostiene che “il vantaggio principale del matrimonio per i bambini non può essere il fatto di presentargli genitori migliori (più stabili, finanziariamente benestanti, ecc), ma di presentargli i “propri genitori“.
In ultima analisi il riconoscimento del matrimonio tra persone dello stesso sesso, ovvero il riconoscimento giuridico e sociale delle partnership di gay e di lesbiche, non riduce il rischio di problemi emotivi“Le due forme di famiglia continueranno ad essere fondamentalmente diverse, nonché ad avere contrastanti effetti sulla componente psicologica del benessere del bambino”.

Precedenti ricerche

Fino a poco tempo fa quasi tutti gli studi sulle famiglie omogenitoriali erano stati condotti con piccoli numeri a disposizione. In un’analisi di 49 studi, nel 2010, un ricercatore ha scoperto che la dimensione media dei campioni era di solo 39 bambini. Solo quattro di questi utilizzavano campioni casuali; gli altri erano stati selezionati contattando direttamente le associazioni di gay e di lesbiche. Un ambizioso studio del 2012 condotto da Mark Regnerus, dell’Università del Texas a Austin, era riuscito ad identificare solo 39 giovani adulti che avevano vissuto con una coppia dello stesso sesso per più di tre anni; 39 su 2,988 casi.
Per i ricercatori, è un enigma. Il numero di bambini allevati da coppie dello stesso sesso è così piccolo – 0,005 per cento delle famiglie americane con bambini – che riuscire a catturare un campione casuale tra questi è come trovareun ago in un pagliaio. Così il risultato portato a casa da Sullins di 512 bambini, pur essendo relativamente piccolo, rende lo studio del sociologo americano un contributo importante.
Il docente universitario ha esaminato inoltre se altri fattori avrebbero potuto spiegare la differenza di benessere emotivo. Secondo la sua analisi nessun altro fattore dà una spiegazione esaustiva delle differenze riscontrate.
Un fattore che ha preso in considerazione è l’instabilità. I bambini non prosperano in ambienti instabili. I genitori gay e lesbiche tendono ad affittare piuttosto che possedere le proprie case, questo provoca il trauma di dover sgomberare e successivamente reinsediarsi in un’altra casa. Questo fattore può anche indicare che i genitori sono meno stabili nei loro rapporti. Anche il disagio psicologico dei genitori è associato ad un aumentato rischio per i bambini di avere problemi emotivi. Neanche queste motivazioni però possono spiegare tutte le differenze.
La spiegazione più ampiamente accettata di scarsi risultati emotivi e comportamentali tra i bambini in famiglie omosessuali è l’omofobia. I sostenitori della genitorialità omosessuale attribuiscono scarso benessere emotivo a causa della stigmatizzazione. Questi ragazzi sono danneggiati, si dice, perché sono stati presi di mira, presi in giro e rese vittime di bullismo. Se i loro coetanei fossero meno omofobici, le cose sarebbero diverse.
Ma Sullins respinge questa affermazione: «Contrariamente a quanto presupposto in questa ipotesi, i bambini con genitori di sesso opposto sono più spesso vittime di bullismo rispetto a quelli con genitori dello stesso sesso».

Fonte: sito web Notizie ProVita

Link di approfondimento: Nuovo studio: chi cresce con genitori omosessuali ha problemi emotivi (del 17.02.2015)

Data di pubblicazione: giovedì 12 febbraio 2015
Il Coordinamento Famiglie Trentine è lieto di annoverare in tutto il Trentino e nel resto d'Italia amici, sostenitori e simpatizzanti. A tal proposito, si sottolinea che la posizione ufficiale dell’Associazione è solo quella espressa sul sito www.coordinamentofamiglietrentine.it. Sono autorizzati a parlare in nome e per conto del Coordinamento Famiglie Trentine solo le persone che hanno esplicito mandato dal Comitato direttivo. Si diffida chiunque dal parlare per conto del Coordinamento Famiglie Trentine e si diffidano i giornalisti a utilizzarne il nome o ad accostarlo a terzi previa esplicito consenso, ai sensi della normativa vigente (art. 6 e 7 c.c.)​.