Posizione: Home PageLista delle pubblicazioniSpecifica pubblicazione
Gender: ascesa e dittatura della teoria che "non esiste": La storia, l'evoluzione, i dati, la verità
Titolo: Gender: ascesa e dittatura della teoria che "non esiste": La storia, l'evoluzione, i dati, la verità
Autore: Carlo Di Pietro, Aurelio Pace
Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform
Anno: 2016
Pagine: 260
Destinatari: Tutti
Descrizione:

Cosa c'è di vero sulla cosiddetta "teoria del gender"? Che cosa dicono i "gender studies"? Nel nostro libro ci opponiamo al "pensiero gender", con prove documentali. Siamo due "visionari"? Siamo come Don Chisciotte della Mancia? Combattiamo forse contro i mulini a vento? A queste ed a tante altre domande, spesso sollecitate da alcuni gruppi di pressione, siamo tenuti a rispondere, quantomeno per educazione.
Il saggio, minuzioso nella ricerca ed onesto nelle intenzioni, esalta (nei giusti limiti) il valore della persona e si contrappone al pensiero dominante estorto dalle solite élite a danno della società civile.
Cronache politiche, storiografia del problema, ricerca scientifica, esperienze di vita vissuta ed una limpida esposizione della dottrina caratterizzano fortemente questo progetto unico nel suo genere, che si distingue soprattutto per la particolare ironia usata dagli autori nel demolire certe convinzioni e per una notevole dose di indomito polemismo.
La questione sviscerata nel libro, quella del gender, è quanto mai attualissima e viene risolta con lucida oggettività, superando, con grande carità, i limiti delle passioni e del sentimentalismo.

Indice del Libro

 

  1. Introduzione; pag. 5
  2. La famigerata "mozione omofoba". La Basilicata prima di tutti; pag. 9
  3. La retrograda "mozione Pace" ed il "peccato" dei selfie; pag. 15
  4. La "teoria gender non esiste". I Consiglieri firmatari sono tutti clerico-visionari?; pag. 21
  5. La "teoria gender non esiste". I genitori sono una massa di oscurantisti e bigotti?; pag. 29
  6. Norvegia, passo in avanti: la "teoria del gender" esiste, ma non è scienza. Basta soldi pubblici; pag. 37
  7. La "teoria gender non esiste", ma a scuola i maschietti mettano la gonna; pag. 41
  8. Il suicidio e la vicenda di Bruce Raimer, il primo esperimento del dottor Money "padre della teoria del gender"; pag. 45
  9. Il "genere è liquido", ma se vuoi "tornare etero" il "genere" diventa "solido": vai perseguitato; pag. 55
  10. Gli omosessuali non integralisti del gender sono "omofobi": i bambini si devono vendere; pag. 63
  11. Chi prega per i gay e chi ama moglie e figli merita di essere punito: emergenza "omofobia"; pag. 71
  12. La "teoria del gender" non esiste, ma se la critichi Scalfarotto ti "mette le manette"; pag. 79
  13. Il "gender" non è ideologia, è "scienza" e "morale". Scienza e morale contrarie sono "omofobe"; pag. 85
  14. Il "bavaglio" UNAR: «Linee Guida per un'informazione rispettosa delle persone LGBT»; pag. 97
  15. Nessun compromesso con l'odio: dal nazi-fascismo al comunismo, è chiara la nostra condanna; pag. 113
  16. Gender, omosessualità e Chiesa. Introduzione alla "dottrina medievale dei bigotti"; pag. 125
  17. Basta "bigottismo" all'interno delle chiese. La parola d'ordine è "aggiornamento"; pag. 137
  18. Guai a chiamarla "teoria gender", bisogna dire "gender studies". Sono due cose diverse ma dicono la stessa cosa e comunque la "teoria" non esiste; pag. 141
  19. "Omofobo" è demodé. Siamo "omonegativi"?; pag. 149
  20. A.T. Beck (e UNAR): 4 o 5 pareri sono "scienza", tutto il resto è noia, anzi è "mitologia"; pag. 161
  21. Quando Cenerentola era ariana, pardon lesbica. Così vogliono sponsor e poteri forti; pag. 179
  22. Conclusione. Il complotto del Vaticano e le soluzioni al problema "omonegatività"; pag. 187
  • Appendice 1. La pianificazione e l'aggressione del gender ai bambini di ogni età ed ai docenti; pag. 195
  • Appendice 2. Indottrinamento gender: le immagini; pag. 217
  • Indice; pag. 239
  • Bibliografia e Sitografia; da pag. 243 a pag. 255

 

 

Link alla pubblicazione
Data di pubblicazione: lunedì 8 febbraio 2016
Il Coordinamento Famiglie Trentine è lieto di annoverare in tutto il Trentino e nel resto d'Italia amici, sostenitori e simpatizzanti. A tal proposito, si sottolinea che la posizione ufficiale dell’Associazione è solo quella espressa sul sito www.coordinamentofamiglietrentine.it. Sono autorizzati a parlare in nome e per conto del Coordinamento Famiglie Trentine solo le persone che hanno esplicito mandato dal Comitato direttivo. Si diffida chiunque dal parlare per conto del Coordinamento Famiglie Trentine e si diffidano i giornalisti a utilizzarne il nome o ad accostarlo a terzi previa esplicito consenso, ai sensi della normativa vigente (art. 6 e 7 c.c.)​.