Posizione: Home PageLista delle pubblicazioniSpecifica pubblicazione
Ore 10: Educazione alla salute: Quando la scuola ignora la famiglia
Titolo: Ore 10: Educazione alla salute: Quando la scuola ignora la famiglia
Autore: Francesco Pieri
Editore: Sugarco Edizioni
Anno: 2018
Pagine: 80
Destinatari: Tutti
Descrizione:

La scuola non sostituisce i genitori bensì è ad essi complementare. Questo è un principio basilare: qualsiasi altro collaboratore nel processo educativo deve agire in nome dei genitori, con il loro consenso e, in una certa misura, anche su loro incarico. Tuttavia si è aperta una frattura tra famiglia e società, tra famiglia e scuola, il patto educativo oggi si è rotto; e così l’alleanza educativa della società con la famiglia è entrata in crisi. (Papa Francesco, Amoris Laetitia 84)

La testimonianza di Eleuteria Paoli, docente di Lettere al liceo “Pinco Pallino”, dimostra come la strategia in atto nella scuola – negli ambiti così delicati della “educazione all’affettività” e delle tematiche congiunte quali la "prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili", la "lotta alla discriminazione", il "contrasto al bullismo" – miri all’esclusione metodica delle famiglie e degli stessi insegnanti delle materie curricolari, surrogati da altre figure di “esperti”.
La speranza è che questo racconto possa sostenere gli uni e gli altri nell'esigere e nell'ottenere il rispetto reale e non meramente formale di quel diritto/dovere a educare che certe prassi oggi in vigore cercano sempre più chiaramente di relegare insecondo piano.

Francesco Pieri è nato nel 1962 a Bologna, dove vive e insegna

Link alla pubblicazione
Data di pubblicazione: mercoledì 7 novembre 2018
Il Coordinamento Famiglie Trentine è lieto di annoverare in tutto il Trentino e nel resto d'Italia amici, sostenitori e simpatizzanti. A tal proposito, si sottolinea che la posizione ufficiale dell’Associazione è solo quella espressa sul sito www.coordinamentofamiglietrentine.it. Sono autorizzati a parlare in nome e per conto del Coordinamento Famiglie Trentine solo le persone che hanno esplicito mandato dal Comitato direttivo. Si diffida chiunque dal parlare per conto del Coordinamento Famiglie Trentine e si diffidano i giornalisti a utilizzarne il nome o ad accostarlo a terzi previa esplicito consenso, ai sensi della normativa vigente (art. 6 e 7 c.c.)​.